Quale filato usare per i tappeti taftati?

Lug 19.2022
Quale filato usare per i tappeti taftati?

La scelta del filato è determinante, e lo è anche quando si parla di tappeti taftati. A differenza di quello che accade nel caso dei tappeti annodati o tessuti, nei tappeti taftati il comfort e l’aspetto del prodotto dipendono quasi esclusivamente dalle proprietà del filato scelto.

Ecco allora che, nell’articolo di oggi, andremo a rispondere a questa specifica domanda: quale filato usare per i tappeti taftati? Forniremo cioè qualche utile consiglio in merito, oltre ad alcune indicazioni su quali prodotti della filatura usare per realizzare un tappeto taftato, allo scopo di creare un manufatto che risulti elegante e di ottima durata.

Come scegliere il filato giusto per un tappeto taftato?

La struttura dei tappeti taftati è molto più semplice rispetto a quella dei tappeti annodati o tessuti a mano. Sono infatti solo due gli elementi che costituiscono un tappeto taftato: la base, composta da una tela, su cui vengono successivamente fissate le fibre che formano la parte visibile del tappeto. Il filato viene fissato alla base attraverso l’uso di una pistola automatica o di uno speciale ago.

In genere, per la realizzazione di un tappeto taftato, si usano fibre più spesse rispetto a quelle usate nei tappeti annodati e tessuti. Sulla tela, vengono fissati singolarmente ciuffi composti da più fili. In questo modo, la lavorazione del manufatto risulta molto più rapida e semplice.

Fatta questa premessa, è chiaro che, quando si desidera avere un tappeto taftato confortevole e pratico da usare, c’è bisogno di scegliere dei filati soffici e resistenti. La scelta tra una fibra e l’altra dipende essenzialmente dall’uso che si prevede di fare del tappeto e dal luogo della casa in cui il manufatto sarà posizionato.

La resistenza delle fibre è da preferire quando il tappeto si troverà in ambienti della casa molto trafficati. D’altro canto, la morbidezza sarà la priorità quando ci si trova in stanze meno frequentate. Oltre che a pavimento, i tappeti taftati si possono usare anche a mo’ di arazzo, per decorare una o più pareti della casa. In tal caso, il criterio più importante per la scelta del filato giusto sarà l’aspetto estetico garantito dal filato scelto.

Quale filato usare per i tappeti taftati?

Quali sono i filati migliori per i tappeti taftati?

Dunque, quale filato Nella produzione dei tappeti taftati si possono usare vari tipi di filato, che differiscono per qualità, resistenza e resa estetica. Nei tappeti taftati di lusso il filato più usato è la lana. Questo materiale è apprezzato sia per la sua durata sia per la qualità.

A seconda del progetto, si possono usare lane più o meno pregiate e ricercate. La qualità del filato dipenderà sia dal tipo di animale da cui è ricavata la lana sia dalla zona di provenienza. Alcune delle lane di migliore qualità sono quelle ricavate dalle pecore di razza merinos, dagli alpaca e dalle capre cashmere.

Un tappeto taftato in lana potrà essere usato tanto a scopo decorativo, appeso alle pareti, quanto per arredare e proteggere il pavimento. Grazie alla resistenza all’usura delle fibre in lana, questo genere di tappeto è un’ottima soluzione anche per arredare le stanze della casa più trafficate.

L’uso di un filato in cotone è altrettanto diffuso. Rispetto alla lana, il cotone presenta un minor grado di resistenza ma una maggiore versatilità. Il cotone è il materiale più usato per i tappeti taftati realizzati per decorare le pareti. Può essere usato anche sui pavimenti, avendo cura di posizionarlo in un posto della casa poco trafficato.

In altri casi i tappeti taftati sono realizzati con filati misti. Nei modelli di lusso, ad esempio, è frequente la combinazione tra la lana e la viscosa: la prima dà struttura e compattezza al tappeto, mentre la seconda regala un effetto brillante e morbido che conquista alla vista e al tatto.

Quale filato usare per i tappeti taftati?

Alcuni consigli per la scelta dei filati per i tappeti taftati

Dunque, quale filato usare per i tappeti taftati? La scelta del giusto prodotto della filatura è davvero rilevante, perché incide sia sull’aspetto del tappeto taftato sia sulla sua funzionalità. Quando si stanno valutando i pro e i contro delle varie opzioni a disposizione, la prima considerazione da fare riguarda l’ambiente della casa in cui andrà inserito il tappeto.

Nella zona giorno della casa e nei corridoi, la scelta è quasi obbligata: dato l’alto livello di traffico, la soluzione più indicata è la lana. Nelle camere da letto, invece, ci si può orientare anche verso filati più delicati, come ad esempio il cotone o i mix di fibre.

Anche le dimensioni del tappeto vanno tenute in debita considerazione quando si decide quale filato usare per i tappeti taftati. Se per i tappeti di piccolo formato le possibilità si moltiplicano, al crescere della dimensione del tappeto le opzioni valide si riducono. Maggiore è l’estensione del tappeto, infatti, maggiore è il rischio che ci siano segni di usura o perdite di colore. Per evitare questo genere di problemi, puntare su un tappeto taftato in lana è un’idea che si rivela vincente.

Nodus crea tappeti prestigiosi.
Porta nella tua casa il lusso!
>>> CONTATTACI! <<<

 

tappeti di lusso

Nodus ha reinventato il tappeto di lusso. È stato infatti il primo brand a proporre il concetto di tappeto come opera d’arte contemporanea. Da sempre, Nodus crea manufatti esclusivi, che arredano le case più belle del mondo.
Vuoi rendere la tua casa inimitabile come un’opera d’arte? Fai entrare negli spazi della tua vita quotidiana un tappeto annodato a mano di grandissima qualità e design! Regala alla tua famiglia e alle persone che ami la bellezza di un capolavoro da sogno!
Ogni pezzo di Nodus è progettato da famosi Designers, che lo rendono riconoscibile e prestigioso. In questo modo, ogni tappeto è unico: non ne troverai un altro uguale. Come tutte le cose belle e irripetibili, un esemplare della collezione di Nodus ti distingue e parla agli altri del tuo gusto e della tua raffinatezza.
CONTATTACI!

YOU MAY ALSO LIKE