Il Progetto Nodus

Nodus è un laboratorio di sperimentazione e un progetto culturale: recupera in una dimensione globale la sapienza più antica dell’arte del tappeto, la reinterpreta nella visione dei designer e gli architetti più innovativi, produce pezzi unici, promuove eventi e prodotti editoriali per far conoscere a tutti le evoluzioni e le nuove forme di un oggetto che accompagna l’uomo fin dall’antichità.

Da una parte l'artigianato: selezioniamo le migliori manifatture in sei paesi del mondo (Nepal, Pakistan, India, Turkmenistan, Cina, Turchia), visitandole una per una, verificando materiali, tecniche, perizia degli artigiani, eticità della produzione. Ogni tappeto di Nodus sarà un pezzo unico: dall'unico cartone fatto a mano fino al prodotto finale, che non ne avrà un altro uguale.
Dall’altra parte, designer, architetti, artisti. Ancor prima di partire, Nodus ha raccolto adesioni ed entusiasmo da parte di alcune tra le migliori firme del design italiano e non solo, che ne hanno colto tutta la portata innovativa. Tra loro: Bartoli Design, Fabio Bortolani, Italo Rota, Matteo Thun, Luca Nichetto, Ludovica+Roberto Palomba, Donata Paruccini, Massimo Iosa Ghini, Matilde Alessandra, Pietro Derossi, Enrico Franzolini, Francesco Lucchese, Peter Rankin ed altri.

Il risultato è una collezione di oltre 100 tappeti che delineano un orizzonte inedito di forme, colori, funzioni del tappeto: una collezione di rottura che scardina confini stabiliti e va oltre i motivi tramandati.
Il tappeto si anima di forme organiche e dinamiche, si compone come un puzzle, si smerla come una trina, assume profili irregolari, diventa cornice, o si ispira a oggetti contemporanei e quotidiani: stoffe, tovaglie, quaderni, mappe. Tutte le regole sono sovvertite, tranne una: la tessitura a mano, nodo per nodo.

Opere d’arte uniche su cui camminare, che entrano negli spazi della vita quotidiana e nelle famiglie come un valore da conservare.
Ogni anno Nodus presenta la nuova collezione in occasione del Salone del Mobile nella cornice storica del Chiostro dell'Università Teologica, in zona Brera a Milano.

Chi acquisterà o ammirerà un tappeto di Nodus potrà essere assolutamente certo che sia stato prodotto nel massimo rispetto dei diritti umani, prima di tutto i diritti a buone condizioni di lavoro e a un compenso equo.

NODUS
intreccia
lana e seta
forme e colori
passato e futuro
oriente e occidente
artigianato, arte e design